LA STORIA

Il matrimonio di Anna e Italo Tarantola, proprietari della Trattoria Bar Tarantola

Il legame che unisce la tua vera famiglia non è quello del sangue, ma quello del rispetto e della gioia per le reciproche vite.
(Richard Bach)

Un passato tutto da scrivere

Una storia di famiglia
Il ritmo delle stagioni guida da sempre la filosofia del mondo Tarantola. Cibi semplici, che richiamano alla vita contadina ispiravano già la famiglia Tarantola negli anni Settanta, quando mamma Anna e papà Italo guidavano con amore e passione la Trattoria Bar.

Una passione continua
Vittorio, Mara e Amalia iniziano a dare un’impronta personale al Ristorante. Senza dimenticare gli insegnamenti del padre, inizia una nuova storia per il mondo Tarantola: cucina d’autore, ricerca e attualità.

Maria Rosa, moglie di Vittorio, lavora dal 1992 con la famiglia Tarantola, applicando la sua passione, la sua curiosità e la sua tenacia nella Pasticceria.

Il presente

Maria Rosa Tarantola, che oggi gestisce la Pasticceria Tarantola.

Maria Rosa

L’anima della Pasticceria: la vita e il lavoro che si intrecciano in un’unica passione. Moglie di Vittorio Tarantola, si inserisce nell’azienda di famiglia nel 1992 e segue l’apertura e lo sviluppo del nuovo punto vendita. Seppur giovane e inesperta nel campo, ha potuto contare sull’appoggio della famiglia del marito e sulla propria determinazione e volontà. L’attività di Tarantola è molto strutturata e richiede un impegno e un’energia costanti, ma le soddisfazioni del lavoro sono tante e le possibilità di crescere e migliorare ancora più numerose. Ed è un amore a prima vista che nel tempo ha continuato a crescere.